x
≡ Menu
Chi siamo Progetti Contatti

La protezione costruttiva della casa in legno dalla penetrazione dell`umidita`



La protezione costruttiva della casa in legno dalla penetrazione dell`umidita`

Uno dei compiti principali della protezione costruttiva dei fabbricati in legno lamellare o tronchi con l`umidita` naturale consiste nell`impedire la loro eccessiva umidificazione ed in questo modo prevenire l`apparizione dei funghi e insetti. La pianificazione delle strutture portanti deve tener conto del fatto che il legno edilizio possa accumulare l`umidita`e che il cambio dell`umidita` possa avvenire a causa di:
- penetrazione diretta dell`umidita`
- proprieta` igroscopiche del legno, corrispondenti all`umidita` e temperature dell`aria circostante.

l`umidita` nello stato liquido penetra inanzitutto nel legno nella direzione delle fibre. Questo avviene perche` la superficie e` frontale o posizionata cosi che l`umidita` non puo`essere portata per mezzo dei capillari oppure perche` e` coperta, per esempio, dalla resina resorcinica o epossidica.

I casi che portano all`aumento dell`umidita` nel legno:
- l`aria calda e umida, per esempio, nelle soffitte poco ventilate, dove porta il cavedio di ventilazione, porta all`umidificazione leggera del legno. I collegamenti tra I dettagli di legno oppure il legno e muratura in pietra costituiscono la superficie per l`accesso dell`aria nella quale il legno si reduce nelle misure in seguito all`essiccazione.
- il problema della condensazione puo` essere eliminato per mezzo dell`isolamento aggiuntivo delle mura assieme all`isolamento antivapore e controllo e controllo dell`umidita` dell`ambiente circostante. Condensazione al basamento delle finestre di vetro viene presa in considerazione nello stesso modo.
- il legno viene sottomesso all`umidificazione se si trova in contatto con terra, accanto alle porte e infissi delle finestre e campi in cui per via del vento si accumula la neve. Si presta attenzione ai posti soggetti all`azione dell`umidita` spruzzata come ad esempio nei bagni e cucine.
- l`umidita` puo` raccogliersi nel terreno di appoggio, nelle mura dietro alla coibentazione idrofuga e nei collegamenti meccanici, in quanto la conducibilita` dell`umidita` si esclude a causa delle evaporazioni in questi campi.

Bisogna evitare I dettagli per via dei quali puo` avvenire un accumulo d`acqua nei collegamenti con lastre metalliche.
- uno dei piu` alti rischi di umidificazione avviene durante l`immagazzinamento delle parti di legno nel cantiere e durante il montaggio finche`manca il tetto. Una catasta di legname si chiude e viene conservata al massimo una settimana se serve per il montaggio.

In particolare nel cattivo tempo si tiene conto della possibilita`di un tempo breve di conservazione.
Con la necessaria preparazione delle parti si puo` ridurre il pericolo di eccessiva umidita` del legno. Questo pericolo aumenta con l`aumento della temperatura media.

I principi base di ottimizzazione della forma delle case in legno nell`ambiente esterno:
- esclusione dell`utilizzo del legname midollare per gli elementi di grosa sezione per evitare l`apparizione delle fissure e deformazioni, elementi della superficie frontale con un alto rischio di formazione di crepe, e` preferibile attrezzarli con preservanti (placca metallica sulle spine, ganci da muro dalla forma S),
- assicella di copertura ed altri elementi che si trovano sotto l`azione atmosferica costante, e` preferibile usare quelli trafitti e squadrati lungo le fibre per diminuire l`assorbimento dell`umidita`,
- gli angoli degli elementi di legno ocorre arrotondarli prima dell`applicazione della vernice o lacca che protegge il legname dall`azione delle precipitazioni atmosferiche, altrimenti nelle crepe formatesi nella copertura penetrera` l`acqua.

Qualora il legname umido si utilizzi nell`edilizia oppure non sia possible impedire la penetrazione dell`umidita` nel legno, bisogna provvedere all`essiccazione rapida o limitazione delle zone umidificate, al tempo stesso l`umidita` del legname non supera il 20 %. Allo stesso scopo si utilizzamno i seguenti provvedimenti a scelta:
1) Tettoie sporgenti che proteggono il muro esterno dagli acquazzoni.
Nella parte esterna la traversa del muro esterno viene sopratutto sottomessa all`azione della pioggia e raggi solari e sulla parte interna all`azione del clima caldo e umido da locali interni. La distribuzione in categorie piu` basse e` possible qualora la superficie esterna sia protetta dalla sporgenza del tetto e la copertura esterna sia impermeabile al vapore come copertura interna.
2) Gli infissi per finestre con copertura impermeabile al vapore e acqua fuori e copertura impermeabile al vapore dentro.
3) L`umidita` del legname puo` essere abbassata qualora sia rallentato l`assorbimento e stimolato il trasferimento dell`umidita`.

Un buon esempio di fondazione protettiva di metallo che fa possible la distanza della zona di testa dalla superficie di terra minimo di 100 mm. Durante la pioggia l`acqua non si raccoglie e nonostante l`umidificazione immancabile la fondazione protettiva dopo la pioggia puo` essiccarsi.

La protezione nello spazio aperto viene riferita alla classe di pericolosita 2 oppure 3. Il pericolo di alta umidita` del legno e` esigua qualora la fondazione protettiva dimostri una distanza abbastanza lunga fino alla superficie della terra, altrimenti la protezione viene riferita alla classe di pericolosita` 4. La fondazione protettiva nello spazio aperto sotto il tetto e` posizionata cosi da assicurare un accesso efficace dell`aria e impedire la penetrazione capillare dell`umidita`. La superficie di testa del rafforzamento deve essere a distanza di al meno 100 m da terra.

L`esempio per la formazione della fondazione protettiva nello spazio aperto nelle parti orizzontali e pendenti sono le fissure superficiali nella direzione delle fibre che aumentano il pericolo di penetrazione profonda dell`umidita` nel legno e la possibilita` della sua posteriore lenta conduzione. Si consiglia di posizionare le lamelle nelle parti di legno lamellare in modo tale che le parti destre che guidano gli elementi centrali formino le parti superiori delle lamelle. Le varianti di tale disposizione sono presentate in EN 386 « Legno lamellare. Requisiti per la fabbricazione».

In questo modo nelle crepe vi penetra poca umidita` e dopo l`umidificazione viene facilitate l`evacuazione dell`umidita`. Per gli stessi motivi si accumula l`umidita` nella zona interna delle parti di legno lamellare, incurvate verso l`interno.



Altre notizie su questo argomento:
Una casa in legno in grado di sopportare un terremoto fino a 8,5 punti
Storia della trave lamellare
La storia delle costruzioni di case della trave lamellare
Le tegole come la parte dell'aspetto estetico della casa
PERCHE’ SCEGLIERE UNA CASA PREFABBRICATA DI LEGNO?
Casa di legno – fasi di costruzione
© 2018 Architetturalegno
00189 Roma– Italia Via Quarto Annunziata